Vai al contenuto

Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Spazio giovani - Il consultorio per adolescenti dell'azienda usl di Parma

Ricerca

Avete chiesto

- rapporti sessuali


Domanda:

salve, sono una ragazza d 14 anni e da 4 mesi faccio sesso cn il mio ragazzo di 16...usiamo il coito interrotto come contraccettivo.ci amiamo tanto ma io quando abbiamo rapporti sessuali non raggiungo l'orgasmo e a volte ho molta voglia d fare l'amore con lui (arriviamo a farlo x 4 volte in un giorno) ma niente io nn provo nulla...con la posizione a pecorino xò mi eccito molto di più...nn so il perchè...poi non riesco a capire perchè nn mi è uscito il sangue...sn ank vergine? perchè nn raggiungo l'orgasmo? la prego risponda anke a domande k si possono dedurre dal testo....grazie mille

Risposta:

Desidero iniziare la mia risposta con qualche precisazione riguardo l'uso della pratica del coito interotto, poiché oltre a non proteggere entrambi voi dalla possibile contrazione di malattie a trasmissione sessuale, non mette al riparo dai rischi relativi ad una gravidanza . Infatti prima dell'eiaculazione che avviene fuori dalla vagina ci sono perdite di un liquido deto pre-eiaculatorio che può contenere una quantità di sperma sufficiente alla fecondazione, queste perdite inoltre non possono essere avvertite dall'uomo e quindi non sono controllabili.. per questo come prima cosa vi consiglio di riflettere sulla possibilità di introdurre un adeguato metodo contraccettivo (es. il preservativo, pillola anticoncezionale, cerotto anticoncezionale ..) anche per consentirvi di vivere in modo più sereno la vostra sessualità.

Per quanto riguarda il non raggiungere l'orgasmo, certamente possono esistere cause fisiche che possono determinare la mancanza di piacere sessuale, ma nella maggior parte dei casi le cause sono di natura mentale. nella tua domanda non specificchi se il tuo non provare l'orgasmo significa non provare piacere, o se ci sono altri modi in cui solitamente invece raggiungi l'orgasmo al di là della penetrazione (penso ad esempio alla masturbazione). Queste informazioni potrebbero essere utili per capire ed affrontare meglio ciò che in questo momento stai vivendo. Puoi provare inoltre a farti qualche domanda: sono tesa durante i rapporti? quali pensieri mi "frullano" per la testa nel momento in cui mi accingo ad avere un rapporto? Forse le risposte che potrai darti a queste domande ti daranno qualche elemento in più per rispondere al quesito che poni. Il fatto che alcune posizioni siano per alcune persone maggiormente stimolanti o eccitanti è normale, ognuno scopre con il tempo e l'esperienza ciò che più gli piace nel rapporto con quello specifico partner (es. quale tipo di stimolazione risulta essere più piacevole.., quale posizione.., quai fantasie sono legate alla sessualità..) am questa possibilità è necessario anche potersela concedere senza timori o preoccupazioni..

La perdita della verginità, inoltre, non è legata ad alcun tipo di cambiamento fisico, (infatti non è affatto detto, come spesso si crede, che si debbano avere dolori e perdite di sangue al momento del primo o dei primi rapporti), ma è più un aspetto mentale che coincide con il primo rapporto sessuale completo, quindi puoi considerarti non più vergine anche senza una perdita di sangue dettata dalla rottura dell'imene. L'imene è un setto mucoso che si trova all'inizio della vagina:la forma e il grado di elasticità di questa membrana sono diverse ed è per questo motivo che la deflorazione (la rottura dell'imene al momento della prima penetrazione) non comporta sempre delle perdite di sangue e/o dolore. Le perdite di sangue ,quando presenti,son comunque modeste e sono dovute alla rottura dei vasi sanguigni che la percorrono.
L'imene può avere una variabilità di forma,spessore,elasticità notevole e succede con molta frequenza che,avendo una buona elasticità non subisca alcuna lesione durante i primi rapporti e che, quindi, non si assista ad alcuna perdita ematica.

Ti ricordo, comunque, che la "rottura" dell'imene può avvenire in più tempi e che modeste perdite di sangue possono ripresentarsi anche in rapporti successivi.

Spero di essere stato sufficientemente esaustivo, se così non fosse o alcune cose non ti fossero chiare ti prego di riscriverci.

un saluto

Libanti Jody - Psicologo

Spazio Giovani Parma


Indietro

Utilizziamo i cookies per assicurarti la migliore esperienza sul nostro sito. Per saperne di più, accedi alla nostra Cookie Policy.

Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie OK

Annulla

Ci trovi in

Via Melloni, 1/B a Parma
tel.0521/393337 - 0521/393336
spaziogiovani@ausl.pr.it

Seguici facebook youtube