Vai al contenuto

Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Spazio giovani - Il consultorio per adolescenti dell'azienda usl di Parma

Ricerca

Avete chiesto

- ritardo mestruale


Domanda:

Ciao, sono una ragazza di 26 anni. Il giorno 4 agosto (il 22° giorno del ciclo mestruale) ho avuto con il mio ragazzo un rapporto incompleto con parziale penetrazione prima senza e poi con preservativo. Il raggiungimento dell'orgasmo da parte sua è avvenuto all'esterno (il preservativo era comunque integro!). Tengo a precisare che ancora non ho mai avuto un rapporto completo (dunque sono ancora vergine!).Ora sono molto preoccupata perchè avrei dovuto avere le mestruazioni intorno al 25°-26° giorno (come sempre!) e così non è stato. Il giorno 13 agosto (31° giorno del ciclo) ho effettuato il test di gravidanza che si è rivelato negativo. Non riesco a capire il perchè di questo ritardo (forse perchè il giorno in cui avrei dovuto avere le mestruazioni ho fatto il bagno al mare con l'acqua gelatissima!). Non posso pensare di poter essere rimasta incita, sarebbe per me una grandissima tragedia! Vi prego di darmi al più presto notizie utili sia sulle possibili cause del ritardo e sia su quello che devo fare nel caso "assurdo" di un necessario aborto!!! Vi prego assolutamente di farmi sapere al più presto perchè sono diversi giorni che la mia vita è diventata un incubo...non so fino a quando potrò reggere questa situazione...non ce la faccio più!!! Grazie.


Risposta:

I motivi di un ritardo possono essere molteplici ,come potrà rilevare dalla lettura delle risposte date al suo stesso quesito.Volevo però ricordarle che non è necessaria una penetrazione totale perchè possa avere inizio una gravidanza e che quindi è opportuno utilizzare il preservativo sempre dall'inizio del rapporto.La legge 194 che regola la richesta di interruzione della gravidanza prevede che ci si possa rivolgere a qualunque medico non obiettore,il quale,sentite le motivazioni che portano a tale scelta e illustrato le possibilità per superarle , se la donna persiste nella sua volontà,rilascia una certificazione che permette di rivolgersi a qualunque ospedale.L'intervento comunque non potrà essere effettuto prima di 7 giorni dalla data della certificazione per consentire eventuali ripensamenti ,comunque sempre possibili sino all'ultimo istante.Per informazioni e/o l'eventuale assistenza può rivolgersi ad un consultorio familiare della sua città.


Indietro

Newsletter

Archivio Newsletter

Utilizziamo i cookies per assicurarti la migliore esperienza sul nostro sito. Per saperne di più, accedi alla nostra Cookie Policy.

Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie OK

Annulla

Ci trovi in

Viale Fratti 32/1A a Parma
tel.0521/393337 - 0521/393336
spaziogiovani@ausl.pr.it

Seguici facebook youtube