Vai al contenuto

Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Spazio giovani - Il consultorio per adolescenti dell'azienda usl di Parma

Ricerca

Avete chiesto

Sesso e... dintorni


Domanda:

ho paura, di soffrire di anorgasmia...desidero il mio ragazzo, ma con la penetrazione non riesco mai a raggiungere l'orgasmo..quali rimedi? occore un supporto psicologico?

Risposta:

 

Cara Silvia,

ci scusiamo molto dell'estremo ritardo con il quale rispondiamo alla tua mail, ma a causa di un disguido tecnico riusciamo a farlo solo ora.

Ma veniamo a te...

La donna deve imparare a conoscere il proprio corpo, che è denso di misteri come la terra che genera frutti e allo stesso tempo accoglie dentro di sé i semi che dovranno nascere.

La sessualità femminile è interna, cavernosa e profonda e perciò è tutta da scoprire! Solo il tempo e la dedizione alla scopertà di sé – non solo da un punto di vista meccanico ma soprattutto sensoriale ed emotivo – permettono di raggiungere la maturità sessuale.

Quando si impara a conoscersi, a volte, è necessario aiutare il proprio partner a comprendere i nostri bisogni/desideri, non sempre ciò che è scontato per noi è altrettanto chiaro per lui. Da quello che ci scrivi tu e il tuo ragazzo ne avete già parlato e questo è positivo. Ricorda che ci vuole un modo giusto per parlarne, un modo attento e rispettoso dell'altro perché, su certi temi profondi e intimi, non tutti siamo in grado di parlare apertamente.

Il tempo aiuta sempre in tutto.

Si può iniziare giocando a partire dai preliminari. Il gioco, come ben sai, è un modo di rilassarsi e di condividere momenti gioiosi. A volte c'è tutto un “non detto” che influisce a livello inconsapevole sul rapporto di coppia, anche sul piano sessuale. E' importante comunicare, lasciarsi andare ai propri stati d'animo, alle proprie emozioni...

Il clitoride è una zona molto sensibile, tanto che alcune donne provano fastidio o dolore se lo stimolano direttamente. Può essere stimolato manualmente o attraverso pressione e sfregamento con il corpo del partner. Quando la donna sta per raggiungere l'orgasmo – che è preceduto da una lubrificazione delle pareti vaginali – il clitoride dilatato grazie ad un aumento di flusso sanguigno si ritira sotto il cappuccio protettivo mentre la vagina si contrae.

Alcune posizioni favoriscono la pressione o lo sfregamento del clitoride: ad es. la posizione con la donna sull'uomo permette al clitoride di essere stimolato attraverso lo sfregamento con l'osso pubico dell'uomo; ad es. nella classica posizione del “missionario” (l'uomo sopra la donna) potrebbe aiutare appoggiare le natiche su un cuscino, in modo da essere più rialzati. Si fa confusione rispetto all'orgasmo vaginale perché per alcune donne è possibile essere più sensibili nella parte esterna della vagina.

Un saluto.

Fabio Vanni

Psicologo - Spazio Giovani di Parma




Indietro

Newsletter

Archivio Newsletter

Utilizziamo i cookies per assicurarti la migliore esperienza sul nostro sito. Per saperne di più, accedi alla nostra Cookie Policy.

Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie OK

Annulla

Ci trovi in

Viale Fratti 32/1A a Parma
tel.0521/393337 - 0521/393336
spaziogiovani@ausl.pr.it

Seguici facebook youtube