Vai al contenuto

Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Spazio giovani - Il consultorio per adolescenti dell'azienda usl di Parma

Ricerca

Avete chiesto

Cibo e... dintorni

"Non mi piaccio...mi sento una balena!!!"


Domanda:

Salve!Sono una ragazza di 15 anni:nel paese dove abito non ho amici,o meglio esco solo al sabato sera cn un gruppo di ragazzi ma nn m trovo bene cn nessuno infatti nn esco mai e mi sono isolata:da circa alcuni mesi ho un problema con il cibo infatti ogni volta che mangio qualcosa mi vengono terribili sensi di colpa e a volte arrivo fino a piangere...obiettivamente nn sono grassa(sono alta 1.55 e peso 45 kg) ma io mi sento una balena ma nn riesco a nn mangiare...ho bisgno di parlare con qualcuno ma nn so con chi...datemi un consiglio...grazie!! PS:nn rispondete al mio indirizzo mail ma sul sito...grazie!!

Risposta:

Mi spiace rispondere solo ora alla tua domanda. Da ciò che scrivi, emerge il conflitto tra la tua consapevolezza razionale di non essere grassa e il tuo sentirti soggettivamente grassa e il non accettare il tuo corpo. Alla tua età uno dei compiti emotivamente più complessi, è la formazione della nuova immagine di sé stessi, per ciò che questa comporta. Diventare grandi non è solo un processo fisico che avviene naturalmente, un corpo che gradualmente si trasforma in un corpo adulto, ma richiede psicologicamente l’accettazione dello stato di transitorietà e non finitezza, rispetto all’immagine adulta definitiva. Ciò significa frustrazione verso ciò che desidereremmo voler essere “fisicamente” e apparire agli altri. Spesso può essere normale non accettarsi, non riconoscersi più nel proprio corpo, proprio perché tutto è ancora in via di costruzione….sia fisica che mentale. Il cibo può divenire allora il mezzo attraverso il quale proviamo a controllare il nostro corpo affinché diventi quello che noi vorremmo fosse. La mancanza d’accettazione verso te stessa e il tuo corpo ti ha portato a sentire l’esigenza di chiuderti in casa e ad isolarti rispetto agli altri. Il tuo non stare bene con gli altri è in stretta relazione con il non accettare te stessa, il giudicare te stessa così severamente potrebbe farti pensare gli altri come altrettanti severi giudici. Hai mai pensato che gli altri, gli amici, ci vogliono bene e stanno con noi per quello che siamo? Per come stiamo insieme? Quello che ti ho scritto non è che un ipotesi piuttosto generale. Sarebbe importante poter dare al tuo problema la lettura ed il significato rispetto a te e alla tua interiorità…ma questo non si può fare attraverso una risposta. Se hai voglia di parlarne con qualcuno che saprà ascoltarti ed aiutare a dare un significato al tuo malessere potresti venire allo Spazio giovani e parlarne direttamente con uno psicologo. A presto, ciao

Indietro

Utilizziamo i cookies per assicurarti la migliore esperienza sul nostro sito. Per saperne di più, accedi alla nostra Cookie Policy.

Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie OK

Annulla

Ci trovi in

Viale Fratti 32/1A a Parma
tel.0521/393337 - 0521/393336
spaziogiovani@ausl.pr.it

Seguici facebook youtube