Vai al contenuto

Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Spazio giovani - Il consultorio per adolescenti dell'azienda usl di Parma

Ricerca

Avete chiesto

- rapporti sessuali


Domanda:

Sono capitato qua per caso, spero qualcuno mi sappia rispondere. Riguarda l'HIV e le possibilità di contagio non sessuale: la mia ragazza ha avuto un caso grave di HIV in famiglia, uno zio ed una zia, da cui ha avuto un cuginetto, per lei come un fratello,morto di aids a 10 anni. Io sono una persona paranoica, e, nonostante la conosca da anni, negli ultimi giorni mi è venuta qualche paura. Lei mi dice che le facevano sempre le analisi, ma io temo anche che genitori poco attenti e medici incompetenti abbiano fatto analisi generiche. Lei non ricorda bene. In questi casi in genere qualcuno fa fare dei periodici test ai familiari? Mi dice anche che quando lui perdeva sangue o cose simili la facevano immediatamente allontanare. ci sono casi di contagio indiretto e inconsapevole? che so, usando ad ESEMPIO un tagliaunghie in comune nel quale magari c'è stata una perdita impercettibile di sangue? magari dico cavolate, non sono ferrato in materia, ho preferito chiedere.

Risposta:

Caro amico,

volevo darti qualche informazione sulla trasmissione del virus HIV che puoi trovare anche sul sito della Regione Emilia Romagna all'indirizzo: www.helpaids.it (che ti consiglio di visitare per avere informazioni approfondite).

Il virus dell’ HIV è presente nei liquidi biologici  (sangue, liquido seminale, secrezioni vaginali, latte materno) di una persona sieropositiva. Il virus presente in questi fluidi può passare attraverso microlesioni della bocca, dell’ano, degli organi genitali, oppure attraverso lacerazioni della pelle, attraverso alcune mucose (occhi, parte interna del naso) raggiungendo così il flusso sanguigno di un’altra persona, infettandola a sua volta. L’infezione si può acquisire anche per via endovenosa, condividendo gli stessi aghi per l’iniezione di sostanze, oppure attraverso trasfusioni di sangue infetto, e suoi emoderivati. Sia uomini che donne possono essere la fonte di infezione dell’ HIV. Le donne in gravidanza, o durante il parto o l’allattamento, possono trasmettere il virus anche al proprio bambino. I modi più frequenti di trasmissione dell’ HIV rimangono: l’utilizzo comune di siringhe per l’iniezione di droghe/steroidi ed i rapporti sessuali non protetti . L’ HIV non si acquisisce toccando o abbracciando una persona sieropositiva; utilizzando o condividendo con lei  le stesse tazze, bicchieri, posate o il telefono; andando in luoghi come piscine o bagni pubblici; attraverso morsi di insetto. Il virus dell’HIV non si trova nell’aria o negli alimenti, e fuori dal corpo sopravvive per pochissimo tempo. Attualmente è molto improbabile acquisire l’HIV attraverso trasfusioni di sangue sia negli Stati Uniti che nell’Europa occidentale a causa dei severi controlli applicati.

E' assai poco probabile che utilizzando un tagliaunghie anche se sporco di sangue (e poi da quanto tempo? il virus fuori dal corpo sopravvive pochissimo tempo) e senza ferite aperte da cui scorre sangue si possa contrarre il virus dell'HIV.

Comprendo quanto possa spaventare l'idea di correre rischi di infezione HIV, penso però che tu possa parlarne con la tua ragazza in modo delicato esprimendo le tue preoccupazioni e valutando con lei come possiate superarle insieme.

Ti ringraziamo per la fiducia che ci hai accordato.

Un caro saluto

Elisa Violante

Spazio Giovani di Parma


Indietro

Utilizziamo i cookies per assicurarti la migliore esperienza sul nostro sito. Per saperne di più, accedi alla nostra Cookie Policy.

Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie OK

Annulla

Ci trovi in

Viale Fratti 32/1A a Parma
tel.0521/393337 - 0521/393336
spaziogiovani@ausl.pr.it

Seguici facebook youtube