Vai al contenuto

Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Spazio giovani - Il consultorio per adolescenti dell'azienda usl di Parma

Ricerca

Newsletter:  Emozioni e dubbi

Il senso della vita è quello di imparare ad amarla
[Elda - 15 anni]

Emozioni e dubbi: amore, affetto, complicità
A voi la parola:  Le emozioni
Promemoria:  XVI Meeting Giovani a Parma



Come viviamo il rapporto con il corpo e le prime esperienze sentimentali?
Quali aspetti relazionali viviamo come più importanti?
Cosa conta di più? Con chi ci confrontiamo e dove troviamo informazioni sulle tematiche legate al sesso e  all’amore?

Dietro la maschera da “duri” che spesso siamo costretti ad indossare, nascondiamo sensibilità, delicatezza e un po’ di imbarazzo (misto alla paura di non essere accettati), soprattutto quando si parla di cose così “intime”
In questa newsletter  abbiamo voluto dare voce alle vostre domande, ai vostri dubbi e paure, per cercare di comprendere  meglio emozioni, desideri e timori che fanno parte del nostro vivere in relazione con gli altri. Quando si è in intimità si può sviluppare un linguaggio del corpo che esprima non solo desiderio e pulsione fisica ma anche amore, affetto, dolcezza e complicità.

Aspettare il momento giusto

Ho 19 anni, mi piace un ragazzo di Roma, anche io gli piaccio, ma siamo solo amici. Qualche volta ci siamo baciati e... una volta abbiamo fatto sesso perchè ne avevamo voglia, secondo te è normale? Un giorno ho detto a lui tramite un SMS che non doveva ricapitare più perchè non mi sembra normale farlo proprio perchè siamo amici. Lui mi ha rispettato ma mi ha detto che la mia mentalità è antica. Ha ragione? Mi ha detto anche l'amore e il sesso sono due cose diverse: sesso è piacere e l'amore è l'affetto. E' vero che sono due cose diverse? Spero di essere stata chiara. Grazie!!!

I tuoi messaggi parlano di amore, sesso, amicizia e affetto. Mi sembra quasi di capire (e dimmi se sbaglio) che in questo momento sei piuttosto confusa, direi quasi che non sapresti dare un senso alla storia che stai vivendo. Credo tu faccia bene a cercare di capire ciò che si sta muovendo dentro di te, senza avere la pretesa o la fretta di prendere decisioni repentine. Domandati mille volte se ti senti pronta per fare sesso senza sentirti per questo di mentalità antica. Amicizia e amore possono incontrarsi? In alcuni casi l'amicizia può essere il punto di partenza dell'amore? Stiamo parlando di sentimenti molto complessi. Amore e sesso sono due cose diverse? Attraverso le esperienze che stai vivendo avrai la possibilità di prendere coscienza delle sfumature dei sentimenti da cui tanto sei spaventata. Parli di rispetto e a quanto sembra hai difficoltà nel riconoscerlo in questa relazione a distanza. Stai tranquilla, non avere la fretta di trovare velocemente le risposte a tutte le domande che nascono dentro di te in questo periodo della tua vita. Saprai affrontare la situazione e fare i passi necessari. Rifletti sulle richieste che provengono dal ragazzo di cui parli e rispettati nei tempi. Molte risposte possono arrivarti dalla condivisione di momenti di vita con questo ragazzo. Sei sicura di sapere quello che vuoi realmente da questo rapporto a distanza?

Dubbi e paure

Ho 17 anni, e nn ho ancora fatto sesso. In questo periodo ho per la testa questa cosa e mi stanno salendo un sacco di dubbi e di paure. Io sento ke nn sono all'altezza di questa cosa, come posso fare a superare la mia paura? E poi se nn fossi in grado di usare il profilattico, come posso compensare a queste cose??

Non dici di che paure si tratta ma le cose nuove sono sempre ansiogene.....
Probabilmente sottovaluti l'importanza che ha nell'incontro sessuale l'altra persona che vuole ciò che tu vuoi quanto lo vuoi tu.
Non è detto poi che si debba arrivare subito fino in fondo no? Si può procedere per gradi prendendo confidenza l'un l'altro.
La mancanza di esperienza ti riempie la testa di preoccupazioni. Entra nella pratica con serenità e gradualità.

Cercare la nostra unicità

Ciao sono una ragazza di 14 anni, a differenza delle mie amiche io non ho mai avuto un ragazzo. Non sono brutta anzi da quello che dice la gente anche carina, sono magra, e leggermente bassa per la mia età, ho gli occhi azzurri il naso dritto ma un po' largo le labbra mediamente carnose e i capelli lunghi mori (questa descrizione era per poterti fare un'idea abbastanza generale di me). non sono antipatica anzi e neanche stupida, naturalmente ho dei difetti come ogni persona, ma credo di essere abbastanza OK , fattostà che non ho ancora il ragazzo e in questo periodo è la cosa che desidero di più, infatti mi sento molto sola; non ho amiche molto fidate e in famiglia non posso esprimere i miei problemi, ma questo è un'altro discorso, del quale parlerò magari un un'altra email. comunque anche se sembra molto stupida come domanda io vorrei sapere quali sono le "tecniche" per fare innamorare un ragazzo; è veramente una domanda cretina e questa email non la rileggerò perchè sicuramente mi pentirei delle cose scritte e non la invierei, perciò chiedo scusa per gli errori di ortografia se ce ne saranno e ringrazio in anticipo.

Ti ringraziamo davvero tanto per la tua mail, che non abbiamo trovato affatto stupida, anzi potremmo definirla molto profonda. Il periodo che stai vivendo, quello dell'adolescenza, è un tempo pieno di emozioni e sentimenti contrastanti, ci si sente innamorati dell'amore e la cosa è assai interessante.
Dalla descrizione che ci fai sembri proprio una bella ragazza! Sembra che presti attenzione al tuo aspetto fisico, che ricerchi un certo grado di gradevolezza. La crescita avviene anche per il resto e la ricerca deve essere indirizzata anche ad altri aspetti: l'esperienza aiuterà a formare il carattere, la personalità, ecc... Questi aspetti sono parimenti importanti per attrarre un'altra persona, spesso sono trascurati dalla nostra società ma danno quel 'friccicolio' che ci fa sembrare unici agli occhi delle persone che ci amano. Un po' come nel libro 'Il piccolo principe'. Lo hai mai letto? (Se no, ti consigliamo di darci un'occhiata). Il piccolo principe è innamorato di una rosa, di rose belle ce ne sono tante, ma la sua per lui è molto speciale: è irascibile, di carattere scontroso, ma è la sua rosa.
Tecniche, cara Sofia, non ce ne sono ma c'è un'unica regola d'oro: essere se stessi. Imparare a conoscersi, a capire cosa ci piace e cosa non ci piace, cosa ci fa battere il cuore e cosa ci è indifferente.
Ci dispiace che tu non possa parlarne in famiglia o con amiche/amici. Siamo per questo molto onorati che tu ci abbia scelto come interlocutori.
Speriamo di averti dato qualche spunto di riflessione. Per qualsiasi altra cosa, ricorda che siamo qua a tua disposizione.

Il momento giusto

In una risposta che avete dato nella sezione “avete chiesto” mi ha molto colpito questa frase: “ provare piacere significa anche permettersi di prenderselo”... ecco, il mio problema penso sia questo, non mi permetto di lasciarmi andare. Prima di darmi della anormale frigida ho analizzato la mia situazione, ve la racconto. A 14 anni feci un errore clamoroso, spinta dalla curiosità e dalla incoscienza feci sesso cn il primo che capitava, certo, mi piaceva, ma forse era semplicemente perchè era uno dei primi che m guardava cn occhi diversi. Comunque sia, dopo poco tempo andai con lui. Nn provai nulla a parte il male iniziale. La mancanza di piacere penso sia dovuta alla mancanza di preliminari, insomma, a mente lucida lui fu semplicemente un maiale egoista e io una bambina stupida. Nn contenta il giorno dopo rischiai di finire a letto cn un altro... se ci penso ora m faccio veramente schifo. Quando mi resi conto di quello che avevo fatto mi dissi: "La prossima volta che farò l'amore sarà solamente con qualcuno di cui sarò innamorata". E' passato il tempo e non l'ho più fatto xkè le mie storie non sono durate abbastanza per rispettare la promessa. E anche perchè non riesco a provare nulla con chi nn mi interessa. se non avessi troncato la mia storia cn A. sono sicura che cn lui avrei superato le mie paure, ma a 17 anni 200 km di distanza sono troppi e la storia è finita. Ora mi piace un ragazzo, C., non vorrei aspettare di esserne completamente innamorata prima di sentire gli ormoni in circolo come con A. Vorrei tanto poter ascoltare il mio corpo e concedergli di essere sereno e di prendersi la serenità e la gioia che tanto ha paura di prendersi. so che è una questione psicologica, che devo ripetermi che non c'è nulla di male nel sesso ma c'è qualcosa che m blocca. Premetto, intendo che gli ormoni in circolo ci dovrebbero andare anche senza arrivare al sesso, ma dopo i miei errori so che se nn provo nulla con dei preliminari nn ha senso fare sesso x far piacere a qualcun altro. grazie per la risposta. Spero di essere stata abbastanza chiara.

Leggendo la tua domanda la prima impressione che ho avuto è stata, di una ragazza che è in grado di ascoltare sé stessa, i suoi bisogni e di averne consapevolezza. Una ragazza che ha incontrato il rapporto sessuale in un momento in cui probabilmente non si sentiva ancora pronta e matura per dargli il giusto significato, ma la curiosità e i bisogni di quel momento erano più forti dall’impedirle di ascoltarsi. La mia impressione è che quella ragazza ora sa ascoltarsi e che non ha paura di ammettere che ha “paura di lasciarsi andare”. I tuoi primi rapporti sessuali hanno lasciato in te un ”brutto” ricordo non solo per quello che non ti hanno fatto provare ma forse perché in quel momento non ti eri permessa di essere te stessa e di rispettarti realmente. Ora emerge più che mai, il tuo bisogno di dare un altro significato al rapporto sessuale. Un rapporto sessuale con una persona che tu ami, con la quale hai instaurato un rapporto fatto di complicità, rispetto, accettazione e fiducia nell’altro. Una persona che ti possa permettere di farti conoscere a lui nella vostra intimità, così come sei con le tue paure e bisogni di accettazione. Hai maturato l’esigenza di dare il giusto significato al rapporto sessuale perché in questo modo riesci a rispettare te stessa e le tue esigenze. Come tu dici, ascoltare il tuo corpo e permettergli di dargli la serenità di cui ha bisogno, significa ascoltare il tuo bisogno di sentirti amata dall’altra persona e di poterti fidare di lui. Non credo che sia un bisogno da sottovalutare…..quando ci si avvicina al sesso le prime volte si può essere spinti da mille motivi e il sesso è anche un modo per conoscere meglio il proprio corpo, sé stessi, le proprie fantasie ma anche i bisogni sottostanti al rapporto in sé. Tutto ciò ci fa maturare e crescendo si possono avere le idee più chiare su quelli che sono i nostri desideri. Prova a concederti con il ragazzo che ora ti piace di aspettare il tempo che tu consideri giusto per poterti lasciare andare, per poterti fidare di lui e potergli raccontare anche le tue paure….così come sarebbe potuto succedere con A., perché non dovrebbe succedere anche con C.? Non ci sono tempi giusti o sbagliati per avere un rapporto con il proprio compagno se non i tempi che scegliamo noi, rispettandoci!!

Difficoltà nel primo rapporto

Sono una ragazza di 22 anni, ed ho un problema. Non riesco a fare l'amore con il mio rgazzo. In realtà stiamo insieme solo da due mesi, ma mi capitava più o meno la stessa cosa anche con il mio ex, infatti,sono vergine. Non capisco perchè non riesco a lasciarmi andare. La voglia di stare con lui è tanta, ma ogni volta che prova a entrare (anche con le mani) mi irrigidisco...l'effetto immediato è di chiusura perchè ci rimango malissimo, mi sento mortificata come donna. Non riesco a fare la cosa più normale di questo mondo (che tra l'altro voglio fare)! Potete darmi una mano a capire di che natura può essere questo problema? Vi ringrazio anticipatamente. 

Avere il desiderio di donarsi completamente al proprio ragazzo e non riuscirci è un'esperienza che provoca sofferenza e può diventare un problema non solo personale ma anche di coppia.
Il tuo non è un problema infrequente: molte ragazze trovano difficoltà nel primo rapporto. I motivi del tuo blocco possono essere diversi: psicologici (paura di rimanere incinta, di provare dolore, di non essere pronta, di non essere "all'altezza", ..) oppure anche fisici, come poca lubrificazione.
In entrambi i casi questi motivi non ti consentono di essere sufficientemente rilassata e serena per proseguire il tuo rapporto sessuale. Per fortuna però non sono problemi irrisolvibili! L'importante è riconoscerli e sapere come affrontarli!
Potrebbe essere utile parlarne con qualcuno di cui ti fidi, che senti esperto, magari anche con una psicologa, ma anche con una tua amica più grande, con tua sorella, o la tua ginecologa, etc
Lasciarsi andare al proprio desiderio sessuale non è una cosa così semplice come si dice, può richiedere un lento avvicinamento.
Noi rimaniamo comunque a tua disposizione! In bocca al lupo!

La prima volta

Volevo sapere se la prima volta fa molto male. io ho questa paura che mi frena. So ke dipende dalle persone pero dipende da cosa? Quanto può arrivare a fare male? E' sopportabile? Poi volevo sapere quanto dura un rapporto e quante volte deve avvenire la penetrazione e quanto dura la penetrazione? cos'è l'orgasmo?

Il dolore durante i primi rapporti sessuali è quasi sempre molto contenuto,ma dipende solo in parte da un fattore fisico quale la minore o maggiore elasticità dell'imene; anche se fortemente desiderato il primo rapporto si accompagna a molti sentimenti anche in contrasto fra di loro: l'amore per l'altro e il desiderio di condividere un'intimità profonda e nello stesso tempo il timore di deludere o di restare delusi, il senso del pudore, la paura di sensazioni e sentimenti così nuovi. Tutto questo fà sì che un dolore tutto sommato modesto possa risultare amplificato. Per quanto riguarda la durata e le modalità del rapporto sessuale non vi sono delle regole fisse o degli obblighi da assolvere(se ci pensa bene sarebbe tutto molto monotono e ripetitivo se fosse così): è sufficiente seguire i propri sentimenti avendo come unica regola, se possiamo definirla tale, il rispetto reciproco. Per il significato dell'orgasmo ti rimando alla sezione "avete chiesto "dove potrai trovare alcune informazioni al riguardo. Queste poche righe non possono però aiutarti più di tanto a superare le tue paure;è opportuno che tu ne parli ad un adulto di tua fiducia (un familiare,un insegnante) oppure puoi rivolgerti ad un consultorio familiare della tua città dove potrai trovare l'aiuto necessario.

Timori per i rapporti

Salve,ho 14 e tutte le mie amiche anno avuto almeno 1 rapporto sessuale o cose simili... io ancora non mi sento pronta per certe cose anche se avvolte, anzi spesso,ci penso ......e mi piacerebbe, ma poi in altri momenti non riesco a fare niente.....è normale a questa età avere paura di ogni cosa.... sia riguardo il sesso che altri aspetti della vita???

Alla tua età avere paura di tutto ciò che riguarda la sessualità è assolutamente normale, perchè ci si pone domande nuove, si iniziano ad avere nuove curiosità, ...e quello che sapevamo e facevamo nell'infanzia non ci basta più. Tutti sono spaventati da ciò che non conoscono... sicuramente anche le tue amiche, prima di avere esperienze sessuali, erano terrorizzate al tuo stesso modo!
Ricorda però che ciascuno di noi è unico!  non siamo obbligati a vivere tutti le medesime esperienze contemporaneamente! è bene invece che ciascuno rispetti i propri tempi di crescita. Non forzarti quindi a vivere esperienze sessuali se non ti senti ancora pronta, rischieresti di affrontarle nel peggiore dei modi e di conservarne poi un brutto ricordo.
vivi con serenità e vedrai che capirai da sola quando arriverà il momento giusto.
In bocca al lupo e , se ti va, facci sapere!

La prima volta tra desiderio e paura

Io voglio farlo col mio ragazzo..ma ho uno scagozzo immane di non esserne all'altezza..insomma di essere impacciata, di noome muovermi..di fare qualche figura da paperissima...e ho paura a parlarne con lui!!!help

Leggendo attentamente la tua richiesta di aiuto non ho potuto fare a meno di notare lo spirito umoristico che utilizzi nel fotografare una situazione che così tanto ti coinvolge emotivamente. Credo che sia importante avere paura, ma credo anche che sia importante affrontarla. Lasciati guidare dal desiderio di complicità e di ricerca di intimità che hai verso questo ragazzo e poi vedrai che tutto verrà da se. Potranno esserci momenti di imbarazzo e come dici tu anche "figure da paperissima". Questo può accadere la prima volta, poi affinerai modalità per condividere e rendere piacevole, con il tuo lui, questi attimi di coffaggine. Fai partecipe il tuo ragazzo, gioca con lui e vedrai che con il tempo non si può che migliorare.

A VOI LA PAROLA

Le emozioni

Le emozioni sono un sentimento irrefrenabile di cui le persone non possono fare a meno. Basta un sorriso per riuscire a rendere felice una persona, basta un pianto per commuoverla. Tramite il sorriso o le lacrime si comunica tanto, anche più delle parole. Dietro questi due gesti spesso si può nascondere qualcosa di più profondo, ad esempio in un sorriso si può nascondere la falsità, in un pianto la gioia. Sicuramente piangere non è un segno di debolezza anzi in molte occasioni può essere forza, in altre invece soltanto permalosità o vittimismo. Io sorrido spesso per nascondere molte cose, dolore o rabbia tenendomi tutto dentro. Molte volte si ride per divertimento o per rassicurare qualcuno. Chi mostra i propri sentimenti rivela il proprio essere, la propria spontaneità e si mostra agli altri per quello che è.

Giulia Reverberi - Liceo Scientifico "Ulivi" -

PROMEMORIA

E' in arrivo a Parma il XVI Meeting Giovani
"Il senso della vita: le mie istruzioni per l'uso!"

I ragazzi di Parma e... non solo si danno appuntamento il

5-6-7 Maggio
Teatro al Parco - Parco Ducale Parma

Per trascorrere insieme 3 giornate di spettacoli teatrali, danza, musica, video e...

Mercoledi 5 Maggio ore 20.30: Evento Inaugurale
Giovedì 6 Maggio ore 08.15-13 e 14.30 16: Spettacoli dei gruppi di ragazzi
Venerdì 7 Maggio ore 08.15-13 e 14.30 16: Spettacoli dei gruppi di ragazzi
Venerdì 7 Maggio ore 21.00: Musical





«Torna all'elenco delle newsletter

Newsletter

Archivio Newsletter

Utilizziamo i cookies per assicurarti la migliore esperienza sul nostro sito. Per saperne di più, accedi alla nostra Cookie Policy.

Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie OK

Annulla

Ci trovi in

Viale Fratti 32/1A a Parma
tel.0521/393337 - 0521/393336
spaziogiovani@ausl.pr.it

Seguici facebook youtube