Vai al contenuto

Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Spazio giovani - Il consultorio per adolescenti dell'azienda usl di Parma

Ricerca

Newsletter:  Sicurezza stradale: le nuove regole per i giovani

Il futuro è qualcosa che ciascuno raggiunge alla velocità di sessanta minuti all'ora, qualunque cosa faccia, chiunque sia
[Clive Staples Lewis]

Sicurezza stradale: Le nuove regole per i giovani
A voi la parola:  "Questo si chiama VIVERE"
Promemoria:  Clicca il sondaggio!



 "Era destino!", "una sfiga tremenda!" e altre cose simili si dicono per trovare una spiegazione ad un incidente stradale.  In realtà sono gli errori a causare incidenti, errori a volte grandi, a volte anche molto piccoli ma per i quali si arrivano a pagare prezzi altissimi.
Per te qui sotto le nuove norme del codice della strada che riguardano i giovani, forse le avrai già viste in giro da qualche parte...   forse ora ti dedicherai un momento per leggerle considerando il fatto che non sono solo regolamenti,  ma un'occasione per pensare a  quanto vale la tua vita e quanto è importante fare di tutto per proteggerla.

SICUREZZA STRADALE: LE NUOVE NORME PER I GIOVANI

Guida sotto l’influenza dell’alcool
È vietato guidare dopo aver assunto bevande alcoliche
e sotto l’influenza di queste per i conducenti di età inferiore a ventuno anni e i conducenti nei primi tre anni dal conseguimento della patente di guida di categoria B; il tasso alcolemico consentito quindi è ZERO

Il conducente di età inferiore a diciotto anni, per il quale sia stato accertato un valore corrispondente ad un tasso alcolemico superiore a 0 (zero) e non superiore a 0,5 grammi per litro (g/l), non può conseguire la patente di guida di categoria B prima del compimento del diciannovesimo anno di età.

Il conducente di età inferiore a diciotto anni, per il quale sia stato accertato un valore corrispondente ad un tasso alcolemico superiore a 0,5 grammi per litro (g/l), non può conseguire la patente di guida di categoria B prima del compimento del ventunesimo anno di età.

Guida in stato di alterazione psico-fisica per uso di sostanze stupefacenti
Anche in materia di guida in stato di alterazione psico-fisica dopo aver assunto stupefacenti, si registrano numerosi cambiamenti.

In particolare:

  • è aumentato (da tre a sei mesi) il minimo della pena prevista per chi guida in stato di alterazione dopo aver assunto stupefacenti;
  • è disposta la revoca della patente di guida quando il conducente in stato di alterazione abbia provocato un incidente stradale.

Quando gli accertamenti forniscono esito positivo ovvero quando si ha altrimenti ragionevole motivo di ritenere che il conducente del veicolo si trovi sotto l'effetto conseguente all'uso di sostanze stupefacenti o psicotrope, i conducenti, nel rispetto della riservatezza personale e senza pregiudizio per l'integrità fisica, possono essere sottoposti ad accertamenti clinico-tossicologici e strumentali ovvero analitici su campioni di mucosa del cavo orale prelevati a cura di personale sanitario ausiliario delle forze di polizia.

Qualora non sia possibile effettuare il prelievo a cura del personale sanitario ausiliario delle forze di polizia ovvero qualora il conducente rifiuti di sottoporsi a tale prelievo, gli agenti di polizia stradale, fatti salvi gli ulteriori obblighi previsti dalla legge, accompagnano il conducente presso strutture sanitarie fisse o mobili afferenti ai suddetti organi di polizia stradale ovvero presso le strutture sanitarie pubbliche o presso quelle accreditate o comunque a tali fini equiparate, per il prelievo di campioni di liquidi biologici ai fini dell’effettuazione degli esami necessari ad accertare la presenza di sostanze stupefacenti o psicotrope. Le medesime disposizioni si applicano in caso di incidenti, compatibilmente con le attività di rilevamento e di soccorso.

Foglio rosa per i diciassettenni
Ai giovani che hanno compiuto diciassette anni e che hanno la patente A è consentita per esercitazione, dietro apposita autorizzazione del Dipartimento per i trasporti, la guida di autoveicoli non superiore a 3,5 t, purché accompagnati da una persona che abbia la patente  B o superiore da almeno dieci anni. 

Il giovane può procedere alla guida solo dopo aver effettuato almeno dieci ore di corso pratico di guida, delle quali almeno quattro in autostrada o su strade extraurbane e due in condizione di visione notturna, presso un’autoscuola con istruttore abilitato e autorizzato.

Sul veicolo può prendere posto, oltre al conducente, solo l’accompagnatore.

Il veicolo deve essere munito del contrassegno “GA“. Se  il minore commette gravi violazioni, il foglio rosa è ritirato e deve aspettare di compiere 18 anni per prenderne un altro.

Ai titolari di patente di guida di categoria B, per il primo anno dal rilascio non è consentita la guida di autoveicoli aventi una potenza specifica, riferita alla tara, superiore a 55 kW/t.

Patentino per la guida di ciclomotori

Per il conseguimento del certificato di idoneità alla guida di ciclomotori  i giovani che frequentano istituzioni statali e non statali di istruzione secondaria possono partecipare ai corsi organizzati gratuitamente all'interno della scuola.

I corsi sono tenuti prevalentemente da personale insegnante delle autoscuole. La prova di verifica dei corsi organizzati in ambito scolastico è espletata da un funzionario esaminatore del Dipartimento per i trasporti e dall'operatore responsabile della gestione dei corsi.

Per la copertura dei costi di organizzazione dei corsi al Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca sono assegnati i proventi delle sanzioni amministrative pecuniarie.

Circolazione dei ciclomotori
È previsto un generale inasprimento sanzionatorio per chiunque fabbrica, produce, pone in commercio o vende ciclomotori che sviluppino una velocità superiore a quella attualmente prevista  e per chi effettua sui ciclomotori modifiche idonee ad aumentarne la velocità.

Aumento delle  sanzioni anche per chi circola con un ciclomotore munito di una targa i cui dati non siano chiaramente visibili.

Uso del casco protettivo
È obbligatorio  per conducenti e gli eventuali passeggeri di ciclomotori e motoveicoli indossare e tenere regolarmente allacciato un casco protettivo conforme ai tipi omologati, in conformità con i regolamenti emanati dall’Ufficio europeo per le Nazioni Unite – Commissione economica per l’Europa e con la normativa comunitaria.

Circolazione delle biciclette
Chi circola in bicicletta fuori dai centri abitati da mezz'ora dopo il tramonto del sole a mezz'ora prima del suo sorgere e chi circola  nelle gallerie ha l'obbligo di indossare il giubbotto o le bretelle retroriflettenti ad alta visibilità.

[tratto dal sito web della Presidenza del Consiglio dei Ministri - www.governo.it ]

ALTRE NORME

Meno alcol in autogrill e discoteche: divieto di vendere alcolici da asporto dalle 22 alle 6. Al banco non si potranno consumare alcolici dalle 2 di notte alle 6 del mattino. Confermato il divieto assoluto di vendita dei superalcolici. Nelle discoteche, stop alla vendita di bevande alcoliche a partire dalle 3 di notte, con deroghe a capodanno e ferragosto.

Etilometro: ogni ristorante dovrà averne uno a disposizione della clientela.

Minicar: multe salate (fino a 3.119 euro) per chi vende minicar truccate. Obbligo di indossare le cinture di sicurezza.

Prova pratica per patentino: fino a 3.119 euro di multa per chi trucca i motorini, 1.559 euro per chi guida motorini truccati. Dal gennaio del 2011 per ottenere il patentino bisognerà superare una prova pratica.

Targa personale: non più legata alla vettura ma all'automobilista, che la porterà con sé al momento di cambiare automobile.

Scuola guida in Autostrada: obbligatorie lezioni di pratica automobilistica di notte e in autostrada.

Pedoni: Chi non fa attraversare un pedone sulle strisce rischia un taglio di otto punti sulla patente. Stessa sanzione anche fuori delle strisce se il pedone è un disabile o un bambino.

A VOI LA PAROLA

Non so ancora niente della vita. Ma va bene così. Questo si chiama VIVERE

Nella vita, fino ad oggi, ho imparato tre cose molto importanti: non bisogna arrendersi mai, non bisogna contare troppo sulle persone (per quanto credi di conoscerle, non saprai mai come sono realmente) e bisogna credere fino in fondo a quello che si fa. Anche se è sbagliato, se la testa ti dice una cosa, ma il cuore suggerisce l’opposto: se è la via per la felicità non può che essere quella giusta. Ormai, il mondo contemporaneo offre ben poche opportunità di divertirsi e stare insieme, ma a volte basta veramente poco. Un pomeriggio con gli amici, una serata con i fratelli e le sorelle. Ma è estremamente difficile accorgersi di quello che c’è intorno a noi, alle persone che, inconsapevolmente, ci feriscono, senza un motivo preciso. Allora ci si chiede cosa c’è di sbagliato, ci si chiude in noi stessi e non si ha più voglia di donare il proprio cuore, perché è stato ferito troppe volte e troppo forte. Si può dipendere da una persona? Si può star male per una persona? La linea tra odio e amore è così spessa o a volte quasi impercettibile? Si ama e si odia al tempo stesso? Cos’è che dà il vero senso alla vita? L’amore? Che non fa che annientare vittime? Forse l’appiglio più grande può essere il sorriso di un amico o solo una parola positiva da parte dei genitori quando si sta crescendo e si vorrebbe solamente spaccare il mondo. Non so ancora niente della vita. Ma va bene così. Questo si chiama VIVERE.

Margherita M. - I.T.C. “Melloni” - Anni 15

 

PROMEMORIA

Aiutaci ad offrirti sempre di più

Clicca il Sondaggio

"Uso il sito dello Spazio Giovani per..."

 





«Torna all'elenco delle newsletter

Newsletter

Archivio Newsletter

Utilizziamo i cookies per assicurarti la migliore esperienza sul nostro sito. Per saperne di più, accedi alla nostra Cookie Policy.

Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie OK

Annulla

Ci trovi in

Viale Fratti 32/1A a Parma
tel.0521/393337 - 0521/393336
spaziogiovani@ausl.pr.it

Seguici facebook youtube