Vai al contenuto

Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Spazio giovani - Il consultorio per adolescenti dell'azienda usl di Parma

Ricerca

Newsletter:  L'InterRail: un'esperienza 'fuori dai binari'

A volte è quasi meglio viaggiare che arrivare
[R. Pirsig]

L'InterRail: 
Un'esperienza "fuori dai binari"
A voi la parola: "La libertà è..."
Promemoria:  
Chiusura Estiva



Ciao ragazzi, avete già pensato come trascorrerete le vacanze estive? Con chi e dove andare? Vacanza di relax, divertimento o cultura?  Vi proponiamo un'esperienza "alternativa" che potrebbe prevedere... un pizzico di tutto: l'InterRail 


L'InterRail: un'esperienza "fuori dai binari"

”Insomma l’interrail è un viaggio non una vacanza; un’esperienza unica che  ricordo sempre con un po’ di malinconia, sia per la bellezza di quel periodo, sia per la particolarità di quel viaggio, tra campeggi, capitali europee e strada ferrata. Lugano , città anomala, Berlino l’alternativa moderna e futurista; Copenaghen, fredda e ventosa anche in agosto, ma comunque irresistibile; Amsterdam, l’ultima tappa per una città così sui generis da lasciarti senza parole. Queste le città visitate durante il nostro viaggio, che consiglio a tutti i ragazzi con un pizzico di spirito d’avventura e di adattamento, perché credo che nella vita c’è bisogno continuo di novità e cambiamento altrimenti ci si appiattisce!”  (Simone, 17 anni).

L’InterRail è un biglietto ferroviario - chiamato anche “pass” - che  consente di prendere tutti i treni che vuoi in tutta l’Europa (aderiscono all’offerta quasi tutte le ferrovie  europee di 30 nazioni).
Può partecipare all'InterRail chiunque sia cittadino di uno degli stati membri dell'Interrail.

L’InterRail “Globale” può essere di due tipi:  
- Continuous (della durata continua di 15, 22 o 30 giorni consecutivi), in cui puoi prendere treni  ogni giorno della durata del pass (es. se il mio InterRail dura 15 giorni posso salire su un treno a qualunque ora di uno qualunque dei 15 giorni);  
- Flexi in cui si puoi prendere i treni solo in un certo numero di giorni all’interno del periodo di validità del biglietto (5 giorni su 10 o 10 giorni su 22). In sostanza è come avere dei biglietti giornalieri del bus: ogni volta che si “timbra” il biglietto lo si può usare per un giorno intero, dopodiché scade e non è più possibile sfruttarlo. L’offerta 5 giorni su 10 offre quindi 5 “giornalieri” da utilizzare entro 10 giorni. I giorni non sono “obbligati”, sei tu che decidi quando viaggiare.  
All’' InterRail è possibile abbinare dei voli low cost  grazie al pass “One-Country-Pass”, il quale permette di visitare in treno un singolo paese.

Il pass Flexi è stato pensato per quei viaggiatori che intendono fermarsi qualche giorno nelle località che raggiungono. In questo modo non si “sprecano” giorni di validità del biglietto. Se hai in mente un classico giro per grandi città dove pensi di fermarti almeno uno/due giorni ciascuna, il pass Flexi è consigliabile. Lo stesso se intendi visitare posti dove il treno non arriva dappertutto e devi programmare parecchi spostamenti con altri mezzi (ad es. in certe zone remote della Scandinavia).  
Il pass Continuous invece ti dà la possibilità di viaggiare a tuo piacimento in qualsiasi giorno compreso nella durata del biglietto. Quindi è l’ideale se vuoi mantenere aperte tutte le possibiltà e preferisci non programmare troppo. Va detto che il pass Continuous è l’essenza più pura dell’InterRail, infatti per molti anni è stato l’unica forma di pass disponibile.
Usare l’InterRail è molto semplice: una volta scelto il treno tutto quello che devi fare è salire a bordo e segnare a penna sulla custodia del biglietto il tragitto (es. da Parigi ad Amsterdam), la data in cui viene effettuato il viaggio e il numero del treno.
L'Interrail vale come biglietto, ma non comprende nessun extra: supplementi per treni ad alta velocità, prenotazioni, cuccette non sono compresi. Inoltre l'Interrail NON è valido nel proprio paese di residenza, dove permette solamente di avere un forte sconto sul biglietto da e per la frontiera.
[tratto da www.inter-rail.it]

Perché scegliere l'interrail? Le esperienze dei ragazzi che lo hanno già fatto
 
Molti ragazzi che hanno vissuto l’esperienza dell’Interrail hanno sperimentato la sensazione di libertà che una tipologia di viaggio di questo tipo offre. È da 40 anni infatti che l'Interrail è un'icona del viaggio libero, che permette di visitare città di cui si è letto solo sui libri o visto le immagini in televisione o su internet, conoscere nuovi amici, migliorare la conoscenza di una lingua straniera, condividere quello che si ha nello zaino con gli amici di viaggio o incontrati lungo il percorso, conoscersi meglio e concordare insieme i luoghi da visitare, gli itinerari da scoprire!

“la libertà assoluta, un treno che va e tutta l'Europa davanti a te, un esperienza da vivere e scoprire”(Nicola, 17 anni)

"E' bella la sensazione di libertà che ti dà il poter cambiare posto ogni giorno, è utile non lasciare tutto al caso, un minimo di organizzazione ci vuole per non trovare gli ostelli pieni e dover dormire nei parchi o nelle piazze delle città” (Manuela, 18 anni).

 “Ho fatto buone esperienze perché ho conosciuto molti nuovi amici di tutta l'Europa che non avrei incontrato senza Interrail. Consiglierei a tutti ragazzi che vogliono fare nuove esperienze di fare come ho fatto io. L' unica cosa però che dovete ricordarvi di informarvi prima di partire dei prezzi degli alberghi o ostelli che possono variare molto anche nei stessi posti” (Melissa, 19 anni).

“Da quando ho fatto l'ultimo INTERRAIL ma per me è un ricordo ancora vivissimo. L'interrail ti permette di conoscere innumerevoli persone con cui spesso si creano legami veramente forti. Con l'interrail ho scoperto che il mondo è veramente piccolo. Per il resto che dire, se si è giovani, e si ha voglia di divertirsi e di conoscere altra gente l'Interrail è d'obbligo” (Carlotta, 18 anni).

Un'esperienza, questa, che permette una crescita personale sul piano relazionale, della condivisione, della negoziazione e del decidere  in gruppo, assumendosi le proprie responsabilità e condividendo esperienze, pareri, opinioni e consigli con altri ragazzi che hanno vissuto la stessa esperienza.

“Ho fatto Interrail con un amico questo estate. Devo dire che è stata una esperienza indimenticabile anche se qualche volta può essere un pò dura. Siamo partiti dall'Italia e abbiamo visitato la Germania, la Danimarca, la Svezia e la Norvegia. Andando in treno in tutti questi posti si vede la differenza tra questi posti solo guardando fuori dal finestrino del treno. É bello vedere passare villaggi, montagne, laghi e il mare davanti a se” (Mirko, 18 anni)

Il bello dell’InterRail è proprio questo: massima libertà di organizzare e riorganizzare continuamente il proprio itinerario senza regole o mete prefissate, in completa autonomia.

“Era l'estate del 2004 e dopo la maturità io e un mio amico abbiamo deciso di farci un viaggio. Non avevamo idee, ma poi, ecco l'ispirazione! Facciamoci un interrail!!!!Siccome era luglio, non è stato difficile scegliere la nostra meta. ZONA F: Spagna - Portogallo- Marocco!” (Pietro, 17 anni)

“Noi abbiamo viaggiato per 3 settimane e devo dire che ci è bastato! Abbiamo impiegato molto più per pianificarlo che per farlo. E per fortuna che l’interrail è meglio evitare di pianificarlo come un viaggio normale! Anche se nel periodo estivo magari è meglio prenotare qualche ostello o treno particolare. Dopo di che, via libera alla fantasia! “ (Giacomo, 17 anni).

Tuttavia fare un interrail, come sempre quando si viaggia, non significa solo concedersi divertimento e libertà. È necessario anche prestare attenzione ai propri comportamenti e alle proprie scelte. Dobbiamo considerare, in ogni occasione, di essere responsabili sia verso noi stessi che verso le altre persone, facendo scelte che non mettano in difficoltà o in pericolo noi o gli altri.

È quindi bene, anche prima di partire, informarsi sulle caratteristiche dei luoghi, sulla cultura e le abitudini, il clima e gli eventuali “pericoli” relativi ai posti che visiteremo e alle persone che potremmo incontrare.

Nell'avventura è sempre presente una componente di rischio o di difficoltà, dovuta al fatto che ci confrontiamo con un ambiente diverso da quello che noi conosciamo, come  ad esempio la differenza che potremmo sperimentare tra prendere l'autobus in una piccola città rispetto al districarci tra le linee della metropolitana di Londra! L'importante è viaggiare in modo sicuro e informato, poi... gli eventuali imprevisti che incontreremo lungo il cammino...  faranno parte del bagaglio di crescita che porteremo a casa con noi.

E per scoprire di più… un po’ di storia

Nel 1972 inizia il programma Interrail limitatamente ai viaggiatori con meno di 21 anni in 21 paesi: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania Ovest, Grecia, Irlanda, Italia, Jugoslavia, Lussemburgo, Norvegia, Olanda, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svezia, Svizzera, Ungheria. Nel 1976 l'età limite passa a 23 anni e nel 1979 l'età limite passa a 26 anni Dal 1998 il biglietto diventa utilizzabile ad ogni età con diverse tariffe. È stabilito il sistema ad 8 zone che sarebbe stato in vigore fino al marzo 2007.  
Dal primo aprile 2007 la divisione a zone non esiste più, consentendo maggiore flessibilità. È ora possibile avere un biglietto per una sola nazione (One Country Pass) o per tutte le nazioni che aderiscono (Global Pass). Gli under 26 possono acquistare solo il biglietto di seconda classe, mentre gli over 26 possono scegliere anche la prima. I bambini al di sotto dei 12 anni pagano la metà.  

Suggerimenti utili

Degli utili suggerimenti per un buon viaggio in Interrail possono essere quelli di non pianificare eccessivamente spostamenti e pernottamenti. Cerca di organizzare il viaggio per linee-guida, razionalizzando i tempi in base a quello che vuoi fare e dove vuoi fermarti, ma non soffermarti dettagliatamente su tutti i treni che prenderai o su dove dormirai ogni notte. L'elasticità è la caratteristica primaria di questo tipo di viaggio, non rinunciarvi!

In genere si fa un “canovaccio” di mete a cui non si vuol rinunciare e poi, volendo, si può improvvisare. Una volta in giro per l'Europa imparerai a cavartela, a scegliere le soluzioni più economiche e che più risultano utili al viaggio che hai in mente. Se vuoi esser sicuro di trovare posto in treno o avere un tetto per dormire in una città puoi prenotare mentre sei in viaggio: normalmente basta farlo con qualche giorno d’anticipo per trovare posto. Nelle grandi città particolarmente affollate in alta stagione (es. Londra, Amsterdam, Parigi) invece è meglio prenotare con più anticipo.  

Copertura Sanitaria

Ricordati che nei paesi dell’UE godi della copertura sanitaria, ma devi portare con te il tesserino sanitario italiano. Negli altri paesi è utile verificare di volta in volta se ci sono accordi per l’assistenza sanitaria o meno (normalmente sì, la tua ASL di competenza saprà darti tutte le risposte). Può essere una buona idea stipulare un’assicurazione, o utilizzare quella inclusa nella tessera degli ostelli (leggi bene prima le condizioni).

 

A VOI LA PAROLA

LA LIBERTA' E'...

La libertà è quella sensazione impercettibile che nessun uomo libero sa di avere.
Libertà è un sorriso, una macchina, un deserto e un oceano, una spiaggia, una canzone, una chitarra, il bianco, il rosso, il giallo e il nero. Integrarsi, accettare, scegliere, urlare, muoversi, colorare, capelli sciolti, capelli biondi e quelli neri, un albero, la notte ingannevole e il giorno simpatico, un’onda, una conchiglia, un soffio di vento, la bandabardò, un vestito, un disegno, un sapore.
Un piccolo paradiso che c’è in ognuno di noi. Se un alieno venisse sulla terra e mi chiedesse quale è la cosa per cui vale la pena vivere gli direi sicuramente la libertà.

Martina - Istituto Melloni Parma

PROMEMORIA

Ti ricordiamo che lo
Spazio Giovani
sarà
CHIUSO PER FERIE
dall'6 al 17 Agosto





«Torna all'elenco delle newsletter

Newsletter

Archivio Newsletter

Utilizziamo i cookies per assicurarti la migliore esperienza sul nostro sito. Per saperne di più, accedi alla nostra Cookie Policy.

Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie OK

Annulla

Ci trovi in

Viale Fratti 32/1A a Parma
tel.0521/393337 - 0521/393336
spaziogiovani@ausl.pr.it

Seguici facebook youtube