Vai al contenuto

Privacy Policy - Informativa breve

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie. Continua.

(Per visualizzare l'informativa completa Clicca qui)

Annulla

Spazio giovani - Il consultorio per adolescenti dell'azienda usl di Parma

Ricerca

Disturbi Alimentari




Anoressia

Bulimia

Alimentazione Incontrollata

 

ANORESSIA

Come si manifesta

Spesso l’inizio della malattia coincide con una dieta che viene progressivamente accentuata fino ad arrivare ad assumere quantità di cibo del tutto insufficienti rispetto al fabbisogno giornaliero; ad esempio, una ragazza anoressica può mangiare, in una giornata, uno yogurt e qualche verdura scondita.  

Le cause

Alla base del disturbo c’è spesso un rapporto di contatto disturbato con la madre: la figlia rifiuta di crescere perché la propria maturazione avrebbe come conseguenza una condizione di aggressività e rivalità nei confronti della figura materna. 

Come individuarla

La prima conseguenza è spesso la scomparsa delle mestruazioni seguita talvolta da sensazioni di freddo, caduta di capelli, secchezza cutanea e varie manifestazioni dovute alla drastica riduzione degli ormoni sessuali. 

L’anoressica cerca scuse per non nutrirsi o non si presenta ai pasti. Nel corso del tempo il suo organismo, per compensare la mancanza di cibo, produce sostanze a livello  neurologico (adrenalina) che attenuano in parte la sensazione di fame, e le rende iperattive, portandole spesso ad un estenuante esercizio fisico. 

Non è solo un problema "da donne"

Negli ultimi vent’anni il numero dei maschi colpiti da anoressia è raddoppiato: secondo dati recenti un ragazzo ogni 50.000 in Italia soffre di questo male. Come per le ragazze, si ricerca esasperatamente la magrezza fino al deperimento fisico, ma, essendo una malattia tipicamente femminile, può venir diagnosticata tardi, quando oramai vi possono essere conseguenze organiche serie.

"Filo diretto" è la linea telefonica a cui puoi rivolgerti se hai dei dubbi o vuoi saperne di più.
Scegli uno pseudonimo e chiama ...

Filo diretto A.B. è un servizio promosso dall'Azienda USL di Parma ed è gestito dall'Associazione "Sulle ali delle menti"

APPROFONDIMENTI:

La storia di Maddalena: fra anoressia e bulimia, alla ricerca di un nuovo equilibrio

BULIMIA

Come si manifesta

Il soggetto bulimico è capace di ingerire una quantità di cibo incredibile, concentrato in grandi crisi che possono durare anche due ore, in cui la persona può assumere anche 20.000 calorie: è un’espressione di aggressività.  

La bulimia crea seri disturbi fisici, infatti il vomito indotto danneggia la valvola cardiale, con i succhi gastrici si danneggiano denti e gengive; notevoli problemi intestinali sono causati dall’uso di lassativi e diuretici. 

Le cause

Spesso la persona bulimica aderisce ad uno stile di vita che non sente proprio; egli non ha potuto sviluppare una propria differenziazione in modo sufficiente; da ciò può nascere un grande senso di impotenza che cerca sbocco nelle crisi  bulimiche viste come ribellioni al conformismo.
Gli individui bulimici sono spesso paurosi, non riescono ad affrontare con sufficiente indipendenza le situazioni della vita e si adeguano a ciò che dice e fa il gruppo. 

Come individuarla

La persona bulimica è più difficile da individuare di quella anoressica, in quanto non si riscontrano variazioni di peso evidenti. Inoltre il soggetto nasconde le proprie  ossessioni: si abbuffa e vomita di nascosto. Tutto questo la porta ad isolarsi: se mangia in gruppo lo fa in modo rapido e vorace.

APPROFONDIMENTI:

La storia di Viola che ha sofferto di Bulimia Nervosa

ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA

Come si manifesta

Il soggetto che soffre di questo tipo di disturbo alimentare ha delle abbuffate durante la giornata, ma non ricorre a nessun metodo per compensare l'eccesso di cibo ingerito.
Mangia grosse quantità di cibo in modo compulsivo, perde il controllo, mangia in genere in solitudine perchè si vergogna di farsi vedere dagli altri mentre lo fa.
Mangia tanto per arrivare a provocarsi uno stato soporifero che blocca i pensieri torturanti.

Le cause

Alla base vi è una scarsa autostima, la tendenza a viversi come incapaci di poter cambiare il proprio destino e far sentire la propria “voce”. Pensano di non avere nessuna possibilità di esercitare  il proprio “potere” nella vita.
Molto spesso vivono con depressione ed ansia l'affrontare i comuni compiti quotidiani.

Come individuarla

La persona che soffre di Alimentazione Incontrollata,  o anche detta Benge Eating Desorder (BED), mangiando molto arriva all'obesità, perciò il suo disturbo è visibile attraverso il corpo, che può assumere proporzioni notevoli. Non tutti gli obesi però soffrono di BED, è necessario escludere cause organiche o culturali prima di stabilire la natura dell'obesità.

APPROFONDIMENTI:

Giusy, che ha sofferto di alimentazione compulsiva, ci parla della sua esperienza



Utilizziamo i cookies per assicurarti la migliore esperienza sul nostro sito. Per saperne di più, accedi alla nostra Cookie Policy.

Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie OK

Annulla

Ci trovi in

Via Melloni, 1/B a Parma
tel.0521/393337 - 0521/393336
spaziogiovani@ausl.pr.it

Seguici facebook youtube